Navigazione veloce

Open-Data

Gli Open Data sono tutti quei dati liberamente disponibili ed utilizzabili rispondente ad una licenza Common Creative.

Per dirla meglio, gli Open Data sono tutti quei dati aperti e che chiunque è libero di usare, riusare o ridistribuire e che sono al massimo soggetti all’obbligo di citazione e alla condivisione con lo stesso mezzo. Spesso sono dati governativi, altre volte sono rappresentati da dataset creati da privati cittadini ma resi disponibili al pubblico ed alla comunità che altrimenti non avrebbe modo di interrogarli. Ecco che allora nella nostra scuola abbiamo pensato di sperimentare ed introdurre questo concetto per sviluppare, oltre a comuni competenze informatiche, anche delle competenze di cittadinanza digitale che rendessero i nostri studenti consapevoli del loro essere parte di una attenta comunità civica, in perfetto accordo con quanto previsto nel PNSD 

“[…] le tecnologie digitali intervengono a supporto di tutte le dimensioni delle competenze trasversali. Ma si inseriscono anche verticalmente, in quanto parte dell’alfabetizzazione del nostro tempo e fondamentali competenze per una cittadinanza piena, attiva e informata,” (pag. 72, PNSD).

I lavori di seguito presentati sono stati fatti tutti dai ragazzi delle classi descritte di volta in volta. I lavori non sono però statici, ma sono caratterizzati da un dinamismo informatico e culturale, caratteristica che, comune ad ogni processo Open Data, consente a chiunque ne facesse richiesta di partecipare attivamente al suo aggiornamento ed alla sua crescita.

Rilievi Ambientali.

I ragazzi della II F, III D e III F, che hanno partecipato al progetto di geografia sperimentale “fra la Terra e il Cielo” sotto la guida della prof.ssa Maria Campitiello, della Prof.ssa Rosanna Dell’Università e del prof. Luca Scalzullo, hanno costruito prima una stazione di rilevamento dei dati ambientali (Temperatura, Umidità e quantità di gas disperso in aria) e poi hanno proceduto al campionamento di alcune zone del centro di Nocera Inferiore. I dati ed i risultati sono tutti geolocalizzati nelle mappe.
 

Visualizza a schermo intero

 
Punti di Raccolta Emergenze

Sensibilizzati dall’incontro con la Protezione Civile, i ragazzi della II D della sede Solimena, sotto la guida del prof. Luca Scalzullo, hanno mappato i luoghi indicati nell’incontro come punti di raccolta, geolocalizzandoli insieme alle aree destinate al raduno delle persone.
 

Visualizza a schermo intero

 

 Il Leone di Caprera

In occasione della I edizione del premio “Pasquale Sellitti”, i ragazzi Giulia Celotto della IIDCristina Di Maio, Giuseppe Varone, Donato Russo e Gerardo Montuori della III D, hanno raccontato l’eroica vicenda del Leone di Caprera in una mappa in cui contemporaneamente coesistessero il racconto per immagini e testo, la geolocalizzazione ed una timeline per la cronologia. Ai ragazzi è stato riconosciuto il primo premio per un lavoro davvero mirabile.

La mappa può essere vista anche al link http://timemapper.okfnlabs.org/lucascalzullo/il-leone-di-caprera 
 

 

La Storia

Da una idea della prof.ssa Maria Campitiello e del prof. Luca Scalzullo, nasce questa mappa di storia. Inizialmente la classe coinvolta è stata la I D, che con impegno, ha destrutturato la normale cognizione della notizia storica, ha effettuato attente ricerche andando alla scoperta delle notizie di interesse, ha trovato i contenuti multimediali liberi da licenza da utilizzare ed ha ricostruito il tutto in una mappa geostorica ricca di contenuti, riferimenti temporali e geografici. La mappa è immediatamente consultabile secondo i criteri voluti (tempo, area geografica o contenuti e racconti) e può essere arricchita di volta in volta. 

La mappa può essere vista anche al link http://timemapper.okfnlabs.org/lucascalzullo/database-storia-programma-di-i 

E’ bello immaginare che questo processo possa presto essere allargato a tutta la scuola verso la costruzione comune di un percorso di storia dinamico ed in continuo aggiornamento.